Vai ai contenuti

Il Vescovo Mons. Giovanni Paolo Zedda convoca la consulta per verificare quanto fatto fino ad oggi e porre le basi del programma per l’anno 2016/17. Ci incontreremo Mercoledì 25 Maggio alle ore 19.00 presso il Seminario Vescovile. 

Vi aspettiamo…
Servizio per la Pastorale Giovanile

 

Giovani in ascolto è un progetto dedicato all’ascolto specifico dei giovani. La Caritas diocesana di Iglesias offre l’opportunità a sei giovani (di età compresa tra i 18 e i 28 anni compiuti, come da bando pubblico) di mettersi alla prova con l’esperienza del Servizio Civile Nazionale.

Per candidarsi c’è tempo fino alle ore 14 del 20 aprile. Le informazioni dettagliate sono disponibili presso il portale di Caritas Sardegna (www.caritassardegna.it). Si può inoltre contattare la Segreteria della Caritas diocesana di Iglesias all’indirizzo e-mail: segreteria@caritasiglesias.it. I giovani selezionati saranno impegnati per 30 ore alla settimana e, anche attraverso un percorso di formazione, saranno impegnati attivamente nei tre Centri di ascolto Caritas della Diocesi di Iglesias: “Marta e Maria” a Iglesias, “Madonna del Buon Consiglio” a Carbonia e “San Francesco e Santa Chiara” a Sant’Antioco. La loro attività si affiancherà a quella di volontari e operatori già presenti e consentirà di intercettare il disagio e i bisogni dei giovani ascoltati.

“Le difficoltà incontrate dai giovani – spiega Raffaele Callia, direttore della Caritas diocesana di Iglesias e responsabile del Servizio Studi e Ricerche della Caritas regionale – sono anche quelle legate ad una tendenziale chiusura e a una resistenza ad aprirsi ed esporre liberamente il proprio disagio. Difficoltà derivanti anche dal non trovarsi di fronte “dei pari”, in grado di entrare in immediata sintonia con il proprio vissuto, il modo di ragionare e di vivere la propria condizione giovanile. Soprattutto per tale ragione si ritiene che i migliori ascoltatori dei giovani possano essere altrettanti giovani (qualificati e accompagnati da figure adulte esperte), con i quali tessere dei legami fiduciari, capaci di esplorare nel profondo il disagio e condividere i percorsi di crescita nell’autonomia”.
Fra le povertà più gravi che interessano i mondi giovanili del Sulcis-Iglesiente vi sono quelle di carattere progettuale, con la mancanza di conoscenza e orientamento sulle opportunità riguardo ai percorsi formativi, di lavoro e di auto-impresa. Da qui l’urgenza di dare speranza e restituire protagonismo ai giovani, considerati come “i nuovi poveri” del territorio del Sulcis Iglesiente. Un disagio, quello del mondo giovanile, che si registra non solo nel mondo del lavoro e dell’istruzione ma anche in tema di dinamiche relazionali e familiari. Il progetto “Giovani in ascolto” si sviluppa nel territorio diocesano, che comprende 64 parrocchie distribuite in 24 Comuni.

La popolazione locale sta registrando un progressivo invecchiamento. Molto alto è il tasso di disoccupazione e sono in aumento diverse forme di lavoro nero e di sfruttamento dei lavoratori, mentre peggiorano le condizioni del mercato del lavoro, in particolare giovanile ed è a livelli di emergenza la dispersione scolastica.

La presenza nel territorio della Diocesi di un crescente numero di immigrati, fra cui molti giovani che necessitano di consulenza e accompagnamento per una più facile integrazione nel tessuto sociale di accoglienza, spinge la Caritas diocesana a rafforzare i propri servizi di ascolto, affinché la presenza dello straniero non venga vissuta come una minaccia, ma come una risorsa.

Anche su questi temi, i giovani in Servizio Civile verranno chiamati a vivere delle esperienze significative.

Per ulteriori dettagli cliccate QUI

 

 

Come stabilito nella Consulta di Pastorale Giovanile del 7 marzo, in vista della prossima Giornata diocesana dei Giovani del 25 aprile, che si svolgerà in concomitanza con il “Giubileo dei Ragazzi” che si vive a Roma nella medesima data, si terrà una riunione, nei locali del Seminario vescovile,

lunedì 21 marzo 2016 alle ore 19:00

per organizzare un’intera giornata o un pomeriggio in cui tutti i giovani possano riunirsi per essere  testimoni e segno visibile del Vangelo.

Nella Consulta dello scorso 28 settembre avevamo deciso che “verranno poste in risalto le 7 opere di misericordia corporale, creando un ciclo di catechesi dislocate nelle 7 chiese del centro storico di Iglesias. Il giubileo si potrebbe concludere con un pellegrinaggio al Buon Cammino e Celebrazione Eucaristica”.  In riferimento ad esse potrebbero essere affrontati temi importanti per i giovani: es. vocazioni, famiglia, lavoro, catechesi, impegno sociale e politico…

I materiali a disposizione per prepararci alla riunione e proporre come animare i diversi momenti della giornata,  possono essere visionati ai link seguenti:

Papa Francesco, lettera ai giovani per invitarli al Giubileo dei Ragazzi:

http://www.gmg2016.it/giubileo-dei-ragazzi/messaggio-del-papa/

http://www.gmg2016.it/giubileo-dei-ragazzi/

Si può anche visionare e scaricare un sussidio che ci potrebbe dare ulteriori idee per sviluppare il nostro incontro: http://www.gmg2016.it/giubileo-dei-ragazzi/sussidio/

A partire da questa base di idee e riflessioni da sviluppare e adattare alla nostra realtà diocesana, si chiede a ciascun gruppo, associazione e movimento il proprio contributo all’organizzazione e alla partecipazione alla Giornata, secondo le proprie possibilità e la propria ricchezza distintiva.

Vi aspettiamo!

                                                                                                                             Un caro saluto

                                                                              Don Giorgio Fois e l’équipe di Pastorale Giovanile

Ai parroci

Ai responsabili delle associazioni, gruppi e movimenti

Ai responsabili dei centri giovanili e delle aggregazioni giovanili

A tutti coloro che sono impegnati in un servizio che ha come destinatari i giovani

 

 

 

Iglesias, 25 febbraio 2016

Carissimo, Carissima

come consuetudine, giunti a metà anno pastorale, sentiamo la necessità di verificare il cammino diocesano svolto fino ad ora alla presenza del nostro Vescovo S. E. Mons. Giovanni Paolo Zedda e prepararci a vivere insieme gli ulteriori passi del cammino che, insieme, abbiamo programmato all’inizio dell’anno.

Col rinnovato invito a lavorare in comunione e in sinergia, operando ciascuno nel proprio campo specifico ma sempre all’interno di un progetto comune condiviso, ti invitiamo a partecipare personalmente, o con un delegato, alla prossima riunione della Consulta Diocesana che si terrà lunedì 7 marzo alle ore 19.00 presso il Seminario Vescovile ad Iglesias.

I punti all’ordine del giorno saranno:

  • Riflessione e verifica del percorso diocesano svolto;
  • Preparazione Giornata Diocesana dei Giovani ad Iglesias 25 aprile 2016;
  • Indicazioni per la Giornata Mondiale dei Giovani a Cracovia 25-31 luglio 2016.

Cordiali saluti.

Don Giorgio Fois e l’équipe

Il tema dell’incontro “Misericordiosi come il Padre” ci inserisce dentro il cammino dell’anno giubilare, per sperimentare la Grazia della Misericordia prevedendo anche la possibilità, per chiunque lo desideri, di potersi preparare a vivere il sacramento della Riconciliazione, attraverso una “creativa” attualizzazione della Parola di Dio.

Lo schema previsto per questo nostro “appuntamento” è rivolto a TUTTI i giovani della diocesi, nessuno escluso, ed è anche tappa formativa sia per quanti si preparano a vivere la GMG di Cracovia che per tutti coloro che desiderano condividere il senso profondo del Giubileo e del pellegrinaggio interiore. Non è quindi riservato solo a chi concretamente incontrerà il Papa a Cracovia ma è per tutti i giovani.

Come ogni altro incontro di Pastorale Giovanile, ribadiamo, è aperto a quanti vorranno unirsi a questa esperienza/preghiera, a prescindere dall’età anagrafica, per esprimere la comunione e l’attenzione ai cammini della nostra Chiesa.

L’equipe di Pastorale Giovanile invita e sollecita tutti voi a partecipare e far partecipare a questa tappa del cammino quaresimale della nostra Diocesi.

“Beati i misericordiosi perchè troveranno misericordia” (Mt 5,7). Le stesse parole dette da Gesù sono state ripetute durante il primo incontro in preparazione alla GMG 2016: un cammino insieme a Dio che si concluderà proprio con questo momento. La misericordia è stata infatti la protagonista del nostro incontro, accompagnandoci attraverso diversi momenti significativi. Quello che ha guidato parte dell’incontro è stato la lettura di alcune storie tutte con una morale di fondo legato al fatto che, nonostante il degrado che le notizie di cronaca ci trasmettono  (in particolare ultimamente) ogni giorno,  ci siano ancora persone che investono la propria fiducia nell’umanità e credono fermamente che il mettersi al servizio degli altri sia alla base per una più umana convivenza. In seguito ad ognuna di queste brevi storie sono stati portati vicino all’altare dei piccoli lumini accesi che uniti insieme hanno formato il simbolo della GMG. Ogni singolo lumino rappresentava ognuno di noi, la nostra piccolezza che messa a servizio degli altri e unita ad essi costituiva qualcosa di estremamente simbolico. Quest’incontro è stato una prima impronta di ciò che in seguito costituirà un intero percorso. Un piccolo “incipit” che è stato da noi  percepito con un’atmosfera di gioia ma soprattutto di immenso calore che si è trasformata letteralmente in un abbraccio fra tutti noi: l’inizio perfetto di un percorso insieme a Dio che avrà come meta per l’appunto Cracovia.

Natalia Congia

Sabato 5 Dicembre 2015, dalle ore 18 alle ore 21, presso il Centro Congressi del LU Hotel a Carbonia, si terrà l’incontro promosso e organizzato dall’Azione Cattolica della diocesi di Iglesias dal titolo “ Ci sta a cuore”.  In occasione della festa dell’Adesione, che l’Azione Cattolica celebra ogni anno il giorno 8 dicembre, Festa dell’Immacolata Concezione, si vuole riflettere sull’impegno dei laici nella società civile, cercando di capire se esiste ancora un laicato cristiano.

Una riflessione comunitaria che vuole essere da stimolo per tutti coloro a cui “sta a cuore” il nostro territorio. Oggi come non mai diventa importante riflettere insieme su un tema così importante, mettendo a disposizione e condividendo il meglio di ciascuno. Lo faremo con alcune testimonianze e con l’intervento di Don Antonio Mura, Rettore del seminario regionale e Umberto Ronga docente di Diritto costituzionale all’università di Tor Vergata, membro della Commissione Nazionale Anticorruzione e consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Invitiamo tutti a partecipare per dare un contributo alla riflessione.

Si ringrazia e si porgono i Cordiali Saluti

Francesco Atzori

Presidente Azione Cattolica

Diocesi di Iglesias

Riferimento : Atzori Francesco cell.3494563964 mail:ciccioatzori@tiscali.it

echo '';